Travaglio: “Mani Pulite? Ieri Galli, oggi Della Loggia”

“Ernesto Galli della Loggia è sgomento. Non per la corruzione che riemerge, ma per il pericolo che torni Mani Pulite. Cioè che l’Italia ripiombi nella stagione in cui la legge era uguale epr tutti: “Politica, stampa e opinione pubblica devono promettere che non sarà come all’epoca di Mani Pulite”. “La tentazione di ripetere quel copione fa continuamente capolino”, ma guai a “ripetere gli errori commessi allora”. In effetti allora c’era uno sfegatato giustizialista che, sulla Stampa e sul Corriere, scriveva cose del tipo: “Sciogliere le Camere per mettere i partiti con le spalle al muro della volontà popolare” (17-6-92).

“Tutti hanno rubato”, c’è una “propensione all’illegalità finanziaria del sistema politico” e “di settori importanti dell’imprenditoria privata” (9-5-92). “E’ inverosminle che le segreterie romane non sapessero nulla e non ricevessero parte del prelievo tangentizio… I partiti sono combriccole di malandrini” (17-6-92). “Le risultanze delle inchieste delineano una situazione sostanzialmente vera, su cui è possibile esprimere giudizi” senza “aspettare che i fatti vengano accertati da una sentenza”, a prescindere dal “principio della presunzione d’innocenza” (19-6-92). “E’ già molto se, dopo gli estenuanti e annosi riti giudiziari, gli indulti, le amnistie, i patteggiamenti, e gli arresti domiciliari, alla fine si riesce a mandare in galera qualcuno per un lasso di tempo non proprio ridicolo” (19-6-93). “E’ tempo che il capitalismo italiano torni sotto l’imperio della legge” (13-8-93). Il suo nome, guarda un pò, era Ernesto Galli della Loggia”. E’ quanto scrive Marco Travaglio oggi su ‘l’Unità’ nella sua rubrica quotidiana ‘Zorro’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *