Fiat pagherà 17,8 milioni di dollari per le tangenti al governo di Saddam Hussein

WASHINGTON. Fiat SpA ha accettato di pagare 7 milioni di dollari per le tangenti pagate ai funzionari dell’ex governo iracheno da tre delle sue controllate, è quanto si apprende dalla delibera del sostituto procuratore generale della divisione penale, Matteo Friedrich.
Inoltre Fiat pagherà 3.6 milioni di dollari di sanzioni in materia civile e 7.209.142 di dollari sugli utili, compresi gli interessi, nell’accordo con la Securities and Exchange Commission (SEC), in connessione ai contratti per i quali le sue controllate hanno pagato tangenti al governo iracheno.
Dalle informazioni depositate oggi, tra il 2000 e il 2002, Iveco, CNH Italia e Francia hanno pagato un totale di circa 4.4 milioni di dollari al governo iracheno di Saddam Hussein per gonfiare il prezzo dei contratti del 10 per cento prima di presentare i contratti alle Nazioni Unite per l’approvazione, ed hanno nascosto il fatto che il prezzo conteneva le tangenti al governo iracheno. Iveco e CNH Italia registravano nei libri le tangenti come “commissioni” e “tasse di servizio” per i suoi agenti.
L’Oil for Food Program è stato istituito dalle Nazioni Unite per consentire all’Iraq di vendere il suo petrolio a fini umanitari, nel contesto di un ampio regime di sanzioni internazionali. L’Oil for Food Program ordinava il deposito dei proventi della vendita del petrolio in una banca delle Nazioni Unite e tali proventi potevano essere utilizzato dal governo iracheno solo per l’acquisto di beni umanitari e servizi approvati dalle Nazioni Unite, come cibo e medicine, A partire dal 2000, il governo iracheno ha richiesto alle imprese che desideravano vendere i beni umanitari di pagare una tangente, spesso come un “post-vendita di servizi a pagamento, ” al fine di beneficiare dei contratti. L’importo di tale tassa era di solito il 10 per cento del prezzo del contratto.Fiat ha riconosciuto la responsabilità per le azioni delle sue tre controllate, Iveco, CNH Italia e Francia, i cui dipendenti ed agenti hanno effettuato pagamenti all’ex governo iracheno al fine di ottenere contratti con i ministeri iracheni per fornire pompe industriali, ingranaggi e altre attrezzature. L’accordo prevede piena collaborazione della società e delle sue filiali con il Dipartimento di Giustizia nell’inchiesta in corso Oil for Food Program “Petrolio in cambio di cibo” , la penale sarà cancellata dopo tre anni se la Fiat rispetta i termini del contratto.
Ad oggi, più di 24 milioni di dollari in sanzioni sono stati incassati dal Dipartimento di giustizia nei casi riguardanti i fornitori di beni umanitari nel quadro delle Nazioni Unite “Oil for Food Program.
Fiat e Chn, una sussidiaria controllata da Fiat, hanno deciso di risolvere il problema delle accuse senza ammettere o smentire alcun presunto illecito, il portavoce ha commentato: “Gli accordi raggiunti sanciscono la conclusione di una vicenda spiacevole, che ha coinvolto il Gruppo Fiat molti anni fa. Inoltre, è importante sottolineare che i fatti si riferiscono ad un governo che attualmente non è più in carica. E, cosa ancora più significativa, il Gruppo Fiat ha posto in essere un rigoroso sistema di verifiche interne e severi programmi di controllo ai quali tutte le società del Gruppo si attengono rigidamente”.

Carmelo Sorbera

Carmelo Sorbera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *