Irlanda: 5,5 miliardi di euro immessi in tre grandi banche

DUBLINO – Il governo irlandese ha annunciato di aver immesso 5,5 miliardi di euro in tre principali banche irlandesi, come parte di un piano di ricapitalizzazione.
Il piano prevede un investimento iniziale di 1,5 miliardi di euro per Anglo Irish Bank, il che significa che lo Stato avrà il 75% del diritto di voto della banca. L’investimento sarà in forma di azioni privilegiate con un dividendo fisso annuo del 10%.
Due miliardi di euro per ciascuna delle banche: Bank of Ireland e Allied Irish Banks, in cambio di azioni privilegiate con un dividendo fisso annuo dell’8%.
Questa è la prima fase del piano di ricapitalizzazione annunciato dal governo una settimana fa per 10 miliardi di euro in favore di sei principali banche del paese.
L’accordo comprende anche una serie di misure volte ad aiutare il flusso di credito per l’economia.
Queste comprendono la ricapitalizzazione delle banche che forniscono un ulteriore 10% della capacità di erogazione di prestiti alle piccole e medie imprese nel 2009.
Ci sarà anche un nuovo codice di condotta per le imprese di prestito sviluppato dalla Financial Regulator.
Le banche hanno inoltre convenuto di aiutare coloro che sono in ritardo su ipoteche, con un’attesa di almeno sei mesi dal momento dalla messa in mora prima di iniziare qualsiasi azione legale per il recupero del credito.
L’obiettivo di questo piano di salvataggio è quello di garantire la sostenibilità del settore bancario irlandese e il suo contributo a sostenere, attraverso la disponibilità di credito alle persone fisiche, le imprese, in definitiva l’economia reale, questo è quanto ha spiegato il Ministero delle finanze.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *