Rumsfeld “causa diretta” del maltrattamento dei prigionieri

L’interrogatorio di 70 testimoni, tra cui il Segretario di Stato Condoleezza Rice, e l’analisi di migliaia di documenti, ha portato la commissione Forze Armate del Senato statunitense alla conclusione che le decisioni dell’ex capo del Pentagono Donald Rumsfeld furono la “causa diretta” del maltrattamento dei prigionieri.
La relazione, che in gran parte è disciplinata dalla segretezza, accusa Rumsfeld, che con la sua decisione, ” di tecniche di interrogatorio aggressivo ” per i detenuti della base militare statunitense di Guantánamo nel dicembre 2002 consentì l’apertura a ciò che è venuto dopo. Non solo a Cuba ma anche in Afghanistan e in Iraq, dove i militari statunitensi minacciavano i detenuti con i cani e li torturavano con la privazione del sonno, umiliazioni e con posizioni dolorose per ore, come gli abusi sui detenuti di Abu Ghraib alla fine del 2003.

 

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *