Travaglio: “Sarà l’Arcicaccia ad indagare sui Magistrati?”

“Dopo tre giorni di dibattito, prende finalmente corpo la soluzione all’inesistente ‘scontro fra Procure’: una ‘bella riforma della giustizia’ da approvare con una maggioranza bipartisan (e quale, se no!)alla svelta, per decreto. Angiolino Jolie invita il Pd ad unirsi alla compagnia e il solito D’Alema abbocca all’istante. La riforma si annuncia avvincente. Si dice che impedirà il ripetersi di casi come questo. Siccome questo nasce da una procura che scopre i reati commessi da un’altra, la riforma dovrà anzitutto impedire ad una procura di indagare su un’altra.

E chi deve indagare sui magistrati che commettono reati? L’Arcicaccia? La Forestale? Slow Food? L’unica soluzione è stabilire che le toghe non sono più spggette alla legge. Dopodichè i soliti cretini diranno che ‘il magistrato che sbaglia non paga’: in verità lo dicono già oggi, salvo gridare alla ‘guerra fra procure’, quando un pm indaga su qualche collega fuorilegge. Insigni commentatori spiegano poi che i pm di Salerno non dovevano sequestrare gli atti di Why Not, ma chiederli (in realtà li chiedevano da febbraio, ma Catanzaro rifiutava di consegnarli). Non dovevano presentarsi con le volanti della polizia a Catanzaro (la prossima volta prendano la corriera). E soprattutto non dovevano scrivere un decreto di perquisizione di 1700 pagine. Ergo la riforma dovrà stabilire pure l’esatto numero di pagine. Suggerireri non più di una pagina e mezza, scritta in corpo 32, così gli imputati potranno sostenere che la perquisizione non è ben motivata, quindi è nulla. E ora sotto con la riforma, vieni avanti decretino”. E’ quanto scrive Marco Travaglio su ‘l’Unità’ di ieri, nella sua rubrica quotidiana ‘Zorro’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *