Draghi: “La crisi ha colpito banche, famiglie e imprese”

La crisi dei mercati finanziari ha colpito le banche, ma anche famiglie e imprese. Lo ha detto il Governatore di Bankitalia, Mario Draghi, in audizione alla commissione Finanze del Senato sulla crisi dei mercati. “Le ripercussioni della crisi – ha detto Draghi – vanno ben al di la’ del sistema bancario. Famiglie e imprese sono colpite sia direttamente, per la perdita di valore dei titoli Lehman che esse detengono, sia indirettamente, a causa delle prospettive di una restrizione del credito conseguente alle tensioni finanziarie del momento”.

I risparmiatori che devono ottenere il recupero dei titoli Lehman devono essere assistiti. ‘Gli intermediari (banche, fondi, altre societa’) che hanno promosso il collocamento dei titoli o che ne curano la custodia – ha detto Draghi – non devono lasciarli soli’.

‘Non e’ possibile chiedere ai singoli risparmiatori di orientarsi in questo intreccio’ ha aggiunto Draghi riferendosi alle complesse procedure per i rimborsi e il calcolo dell’entita’. Gli intermediari, quindi ‘devono assistere prontamente ed efficacemente i risparmiatori, ciascuno con le proprie responsabilita’, ed essere pronti a compiere nel loro interesse tutte le azioni necessarie a tutelarne i diritti’.

Il governatore ha raccomandato ‘adeguata assistenza, informazioni chiare e complete. E’ urgente che le banche e gli intermediari interessati aprano un colloquio con i propri risparmiatori, anche in forma associata, per trovare di comune accordo le forme piu’ efficaci di tutela. La Banca d’Italia e’ a disposizione per agevolare un confronto tra intermediari e risparmiatori’.

Senza un accrescimento della liquidità, ha tenuto a precisare Draghi, le banche italiane sarebbero andate incontro ad effetti devastanti.

“Le banche hanno compreso l’esigenza di accrescere in modo sostanziale l’attenzione per questo aspetto. La liquidità dei maggiori gruppi – ha spiegato Draghi – è notevolmente cresciuta verso la fine dell’anno scorso ed è stata mantenuta elevata in seguito; i controlli interni sono stati rafforzati”. Ma “se questo non fosse avvenuto, la seconda ondata della crisi, quando le turbolenze si sono riacutizzate portandosi a un livello di gravità senza precedenti, avrebbe potuto avere in brevissimo tempo conseguenze devastanti sul sistema bancario italiano”, ha concluso il governatore.

admin

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *