WiFi libero

La legge antiterrorismo Pisanu del 31 luglio 2005 pone l’Italia in una situazione di arretratezza tecnologica rispetto ad altri Paesi, perché prescrive norme straordinariamente restrittive all’utilizzo del WiFi, la cosiddetta connessione senza fili – prevedendo l’obbligo per chi offre il servizio WiFi di sapere l’identità certa dei navigatori – degna di paesi autoritari. Perché il governo Berlusconi, che si professa liberale, non modifica questa sua orribile creatura?

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *