L’Aduc: “Condannati i pseudo quiz tv”

“Condannate sia le emittenti televisive locali, sia le società organizzatrici di pseudo quiz tv. È quanto ha deciso l’Antitrust ad oltre un anno dalla nostra denuncia”, scrive in una nota stampa Domenico Murrone, responsabile Tlc delll’associazione utenti e consumatori Aduc.

“Trasmissioni denominate ‘Il Quizzone’ o ‘Quizzissimo’ – continua l’Aduc – erano ingannevoli, perché simulando un innocente e facile giochino a premi, spingevano migliaia di utenti a telefonare a numeri 899 (con costi fino a 15 euro a chiamata). L’indagine dell’Antitrust ha di nuovo messo a nudo gli elementi truffaldini dei quiz, condannando le società coinvolte a sanzioni di circa 40 mila euro, aumentate, per chi aveva subito già una analoga condanna, a 56 mila euro”.

“Non è la prima condanna dell’Antitrust in quest’ambito – fa sapere l’Aduc – oggetto di provvedimenti sono stati altri pseudo giochi, come ‘Quiz on the beach’. Se da un lato, l’ingannevolezza dei quiz é accertata, non mancano gli utenti alle prese con i gestori telefonici che pretendono comunque il pagamento delle telefonate agli 899. Da tempo chiediamo all’Autorità per le comunicazioni (AgCom) di trovare un meccanismo per azzerare l’arretrato, ma al momento nulla da fare. Così i Corecom regionali – conclude la nota dell’Aduc – continuano ad essere intasati dalle istanze di conciliazione degli utenti che non vogliono pagare o che pretendono il rimborso di quanto versato”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *