E’ polemica sui 140milioni per Catania

140milioni di euro a fondo perduto: questa è la somma del finanziamento disposto dal Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, in favore del Comune di Catania, per fronteggiare l’emergenza finanziaria dell’ente.

I finanziamenti hanno subito sollevato un vespaio di polemiche. “L’aria che tira è che il governo Berlusconi, prima con l’omaggio alla giunta Alemanno e adesso con l’intervento sul comune di Catania, in modo del tutto discrezionale, dà un aiutino a questo o quel comune”, afferma Pierluigi Bersani, ministro dell’Economia del governo ombra del Pd.

“Nel decreto in oggetto – precisa Bersani – dovendosi mascherare la parola Alitalia, si parla di servizi essenziali. Questo ci dice che qualsiasi servizio di carattere pubblico in deficit potrebbe invocare lo stesso trattamento, cioè l’osso a carico dei contribuenti e la polpa in mano a qualcuno che ha interesse a prenderla. Il che, anche nell’ottica del federalismo, è una colossale presa in giro: continuiamo a parlare di federalismo e poi hanno tolto l’Ici, si fanno interventi di taglio indiscriminato alla finanza comunale e poi, in base alle amicizie, si va a soccorso di questo o di quello”.

A pare del senatore del Pd Enzo Bianco, “l’importo del finanziamento purtroppo rappresenta ancora soltanto un tampone alla crisi finanziaria, poiché la consistenza del debito del Comune è di molto superiore e occorrono interventi di maggiore spessore”.

“Ci chiediamo se abbia ancora un senso parlare di federalismo fiscale, all’indomani di un contributo a fondo perduto concesso dal Cipe al Comune di Catania, per far fronte all’emergenza finanziaria in cui versa”. A domandarselo è il vice capogruppo dell’Italia dei valori alla Camera, Antonio Borghesi che definisce il federalismo “l’ennesimo spot mediatico destinato all’elettorato della Lega”.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *