Primarie PdL – Berlusconi?


«Il Pdl ha definito il calendario per l’organizzazione delle primarie attraverso assemblee che si terranno nelle varie regioni: Si parte il 16/12 con Lazio, Lombardia e Molise. Poi si andrà a Gennaio, il 20, per Piemonte, Valle D’Aosta,Toscana, Umbria e Puglia; il 27/01 Veneto, Sardegna, Marche, Emilia Romagna e Campania. A febbraio, il 3, si terranno in Friuli Venezia Giulia, Liguria, Basilicata, Sicilia, Calabria, Trentino Alto Adige e Abruzzo.
“Dopo la definizione delle regole – si legge in una nota del partito – avvenuta la scorsa settimana da parte dell’apposita Commissione e dell’Ufficio di Presidenza e dopo l’insediamento del Comitato Organizzatore, la riunione dei coordinatori regionali del Popolo della Libertà – che si è svolta oggi 15 novembre – ha messo a punto gli ultimi dettagli per l’organizzazione delle primarie”.
“La riunione – aggiunge – alla quale ha partecipato anche il segretario politico Angelino Alfano, è stata introdotta dai coordinatori nazionali Ignazio La Russa e Denis Verdini e dal responsabile dell’organizzazione Maurizio Lupi”.»

Questa Ansa di oggi sembra rafforzare l’ipotesi di una discesa in campo di Berlusconi, se a fronte di un calendario delle primarie del PdL che si chiudono il 3 febbraio in contemporanea lo svolgimento delle elezioni regionali del 10 e 11 febbraio e il voto nazionale ad aprile, l’enorme concomitanza d’impegni, ossia una interna per le primarie e due campagne elettorali metterebbe in crisi qualsiasi forza politica. Ed allora? Date le scadenze elettorali se l’impegno delle primarie si risolva in un nulla di fatto Berlusconi sarà costretto, a fronte di una mancata legittimazione di un candidato, ad affrontare l’impegno per l’area del centro destra nella tornata elettorale nazionale.

Vittoria Pirro

Vittoria Pirro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *