Germania “uova alla diossina”

Allevamenti di polli, maiali e tacchini sono stati chiusi in Bassa Sassonia, dopo la scoperta di mangimi contenenti diossina. L’allarme in Germania costringe il Ministero dell’Agricoltura dello stato del Nord Reno-Westfalia alla pubblicazione delle numerazioni delle confezioni di uova contaminate ed alla pubblicazione di consigli e rassicurazioni per eventuali consumi già avvenuti, dato il basso consumo di prodotti contaminati si presume che non vi siano gravi rischi per la salute dei consumatori.
Per prevenzione sono stati bloccati tutti gli stabilimenti che avrebbero utilizzato mangimi contaminati ed iniziate indagini ed analisi nei locali con l’assicurazione delle autorità che l’eventuale superamento dei parametri di diossina o di altri residui scoperti nei cibi porterebbe alla rimozione dei prodotti dal mercato con il ritiro degli alimenti dagli scafali dei supermercati.
Il consiglio dell’associazione dei consumatori è di evitare il consumo di uova e derivati in attesa di chiarimenti.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *