Iraq, 835 detenuti in attesa di essere giustiziati

PENA DI MORTE – Nelle carceri dell’Iraq ci sono 835 detenuti in attesa di essere giustiziati. Lo ha rivelato il ministro dell’Interno iracheno, Jawad al-Bolani, nel corso di una conferenza stampa incentrata sulle misure adottate dal governo per combattere il terrorismo.

“I tribunali iracheni – ha fatto sapere al-Bolani, all’indomani dell’invito ad abolire la pena di morte che l’inviato Onu, Adrianus Melkert, ha rivolto al governo iracheno – hanno finora emesso 14.500 sentenze per il reato di terrorismo, di queste 835 sono condanne a morte e altre all’ergastolo”.

In Iraq, in quattro anni, dal 2005 al 2009, sono state giustiziate 230 persone. Baghdad ha reintrodotto la pena di morte nel 2004, dopo una breve moratoria entrata in vigore l’anno precedente, in concomitanza con l’intervento delle truppe Usa.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *