“Coma” giornalista picchiato

Russia. Oleg Kashin, corrispondente del quotidiano Kommersant rimane in terapia intensiva dopo l’intervento chirurgico e senza aver ripreso conoscenza. Il giornalista è stato duramente picchiato sabato da assalitori non identificati vicino a casa sua a Mosca, gli aggressori hanno lasciato il giornalista con fratture alle tibie, fratture sul mascellare superiore ed inferiore, lesioni al cranio, e le dita rotte e senza prendere i soldi, il computer o il telefono cellulare di Kashin.
Il giornalista è attualmente in coma artificiale e collegato ad un polmone artificiale in un ospedale di Mosca.

 Un’operazione sul cranio della vittima, ha rivelato che il suo cervello è intatto, “estremamente critiche” le sue condizioni. 

I colleghi hanno attribuito l’attacco all’attività professionale di Kashin, specializzato in tematiche sociali e politiche e ricordano i recenti casi di attacchi violenti contro il giornalista del quotidiano Khimkinskaya Pravda, Mikhail Beketov, che ha le dita e la gamba amputata, così come l’editor di canali della Tv Russia Today, Natalya Arkhiptseva, colpita al piede con un proiettile di gomma il 9 ottobre in un bar.

La Russia è ampiamente considerato uno dei luoghi più pericolosi di lavoro per i giornalisti in tutto il mondo. Il gruppo di osservatori stampa Reporters sans frontières colloca la Russia al 140esimo posto su 178 paesi nel Press Freedom Index 2010, ed ha chiamato il primo ministro russo Vladimir Putin un ” predatore della libertà di stampa . “Il Committee to Protect Journalists con 52 uccisioni dal 1992 ha definito la Russia il quarto paese “più mortale” per i giornalisti nel mondo.

http://www.quinews.it/2010/11/08/video-shock-oleg-kashin-il-giornalista-massacrato/

Vittoria Pirro

Vittoria Pirro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *