“Schiavi a Rosarno” in carcere “i caporali”


31 ordinanze di custodia cautelare per coloro che sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere per lo sfruttamento di manodopera clandestina nelle campagne di Rosarno e di Gioia Tauro, questo il bilancio del blitz in Calabria delle forze dell’ordine. L’operazione contro il racket che ha sfruttato gli immigrati clandestini in agricoltura è nata dalle indagini avviate dopo la rivolta scoppiata nei mesi scorsi: extracomunitari impegnati nel lavoro dalle 12 alle 14 ore per compensi di una decina d’euro al giorno e minacciati subivano ritorsioni al minimo accenno di ribellione.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *