Proteste e Repressione, l’Iran che resiste

Obama chiedeva all’Iran di scegliere “aprire le porte alle opportunita o rimanere ancorato al passato”, e l’unica risposta è stata la repressione dei manifestanti nell’anniversario dell’attacco all’ambasciata Usa del 1979, quando furono tenuti in ostaggio i 52 dipendenti per 444 giorni. 


Le manifestazioni indette dall’opposizione, di segno opposto a quelle antiamericane volute dal regime sono state caricate dalla polizia che ha sparato gas lacrimogeno. Gli slogan dei manifestanti: “morte al dittatore” e “Khamenei assassino” ma anche “Obama, o stai con loro o stai con noi!”,

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *