Rawalpindi, strage di dipendenti del governo

Pakistan. 34 le persone uccise ed altre 32 sono rimaste ferite in un attentato suicida in una zona commerciale vicina alla sede generale dell’esercito pakistano a Rawalpindi. Un alto funzionario della polizia ha affermato che l’attacco è stato attuato da un attentatore suicida su una motocicletta. Questo è stato il secondo attacco nella zona di massima sicurezza in un mese. Dipendenti del governo in fila fuori alla succursale della Banca nazionale per lo stipendi sono tra le vittime. Diversi uffici, una parte di un albergo nelle vicinanze e un certo numero di veicoli sono stati distrutti.
“La strada era disseminata di cadaveri e vetri rotti. Molti dei morti erano in uniforme dell’esercito ” secondo testimonianze oculari.
Per i medici dell’ospedale distrettuale, il bilancio delle vittime potrebbe salire, date le situazioni critiche di molti feriti, mentre rimangono non identificati alcuni dei corpi. Nessuna rivendicazione dell’attentato, ma sono forti i sospetti sui talebani da parte delle autorità.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *