Bari, in fiamme l’auto di “ragazza” teste

Il secondo filone d’indagine sugli appalti sanitari seguito da Pm Giuseppe Scelsi è quello su un giro di ragazze pagate per partecipare a feste organizzate nel mondo dei Vip ed anche a casa del Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi;

 figura cerniera dei due filoni d’indagine: quello per le tangenti in ambito sanitario e quello per un presunto giro di prostituzione è l’imprenditore Giampaolo Tarantini.
Tra i protagonisti della vicenda, Patrizia D’Addario che racconta delle visite a Palazzo Grazioli, residenza romana del Premier Berlusconi, avvalendosi di alcune audiocassette registrate durante quelle serate che avrebbe consegnato al magistrato, ma anche altre giovani donne come Barbara Montereale, la cui auto è stata data alle fiamme questa mattina a Modugno.

Un incendio secondo gli investigatori di probabile origine dolosa. Ignoti avrebbero forzato uno sportello dell’auto, versato liquido infiammabile all’interno dell’abitacolo ed appiccato il fuoco.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *