9 anni: suicidio o gioco tragico

Un suicidio oppure l’ipotesi di un gioco finito male a Truccazzano nel milanese, dove un bambino di nove anni è stato trovato morto nella sua stanza, a scuola aveva preso una nota, ma aveva anche ottimi voti.
Sulla pagella che avrebbe ricevuto i voti vanno dall’8 al 10, ma la festa di fine anno nella scuola elementare di Truccazzano non ci sarà, tutto è stato sospeso perché uno degli alunni di 9 anni non c’è più.Ieri era tornato a casa con una nota ed era stato sgridato dalla mamma, che quando tutto sembrava risolto era uscita di casa per comprare una maglietta al bambino per la recita di oggi, ma al ritorno ha trovato il figlio esanime nella camera, inutili i soccorsi.
Considerando la dinamica degli eventi l’ipotesi del suicidio sembra verosimile, anche se i genitori propendono per un tragico incidente. Lo zio racconta di piccoli screzi a scuola con i compagni che prendevano in giro il bambino perché magro e con gli occhiali, ma non sembra un episodio di “bullismo”, il bambino reagiva e si difendeva e qualche nota la prendeva anche per questo. Un tale gesto volontario a 9 anni sembra veramente troppo, in un’età in cui si è inconsapevole della gravità del gesto e delle conseguenze fatali.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *