AirForce Brasile avvista resti di Airbus 330 di Air France

Le foto scattate da un aereo sono di piccoli pezzi di qualcosa di bianco non identificato, una boa arancione e un tamburo con tracce di kerosene.

Gli oggetti sono stati rilevati a 650 km a nord dell”isola di Fernando de Noronha, suggerendo che l’incidente si è verificato in prossimità della costa brasiliana come si era pensato inizialmente. Se i resti trovati questa mattina sono dell’aereo di Air France, vuol dire che il velivolo è stata deviato dal suo percorso originale, forse in un tentativo di tornare indietro per un atterraggio.

Per la conferma che le parti siano dell’Airbus 330 dovranno contenere un numero di serie che li identifica.
Tuttavia, la zona è molto difficile da raggiungere dove l’oceano è molto profondo, con una media di 4.000 metri, per cui il salvataggio non può essere fatto da aerei o elicotteri, che continueranno la scansione.
Il Brasile ha inviato tre navi della marina per assistenza al salvataggio, almeno per quanto riguarda gli oggetti trovati in superficie, ma arriveranno mercoledì mattina nella zona.
L’Airbus A330-200 è partito da Rio de Janeiro domenica alle 23:03 GMT e l’ultimo contatto con i controllori del traffico aereo brasiliano è avvenuto intorno alle 01:30 GMT di lunedì. Intorno alle 02:00 GMT, l’aereo è entrato in una zona di forte turbolenza e di tempeste. Circa 15 minuti dopo, l’aereo ha iniziato a rilasciare diversi messaggi automatici di manutenzione generale che indicavano problemi nei sistemi elettrici.

Secondo Air France, tra i 216 passeggeri a bordo vi erano 61 francesi, 58 tedeschi, 26 brasiliani e 10 italiani, oltre a 61 passeggeri provenienti da 28 paesi. Gli undici dell’equipaggio erano francesi, mentre un commissario di bordo, era brasiliano.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *