Lost in Pd

Un anno e mezzo dalla nascita e il Pd è già a rischio sopravvivenza. Eppure era stato annunciato come il partito del XXI secolo, destinato a durare per decenni. Il partito “fratello maggiore” degli italiani: comprensivo, affidabile, generoso.

La versione tricolore del “change” di Obama, con i suoi loft, summer school, yes we can. Il progetto più ambizioso di cambiamento mai messo in campo dalla sinistra. Invece, in pochi mesi, il sogno si è mutato in incubo. Quello che doveva costruire un nuovo immaginario simbolico è diventato un partito per sottrazione: senza linea, senza bandiere, senza identità. Doveva aprire una nuova stagione, è rimasto ostaggio della solita guerra per bande. Doveva rappresentare l’alternativa politica e culturale, nell’Italia dominata dal Cavaliere. E si è trasformato, al contrario, in un berlusconismo minore. Abbandonando a se stessi i militanti, gli elettori e i milioni di italiani che non vogliono morire con “meno male che Silvio c’è”. Sono loro i “Lost in Pd” raccontati da Marco Damilano. I naufraghi dell’opposizione, i dispersi del Partito democratico. Questo libro è il film della scommessa mancata, con i protagonisti e i comprimari. I Capibastone. I Demo-leghisti del Nord, attratti dalla secessione. Le Ombre rosse, nella riserva indiana delle regioni centrali. Gli Sfrantummati del Sud, in mano ai signori delle tessere. Gli Abatini, i giovani desiderosi di rivolta, ma incapaci di sfida. L’ossessione mediatica dei leader che scambiano l’applauso dei giornali con il consenso della gente. La fuga degli intellettuali. E poi gli scandali, i tradimenti. Le speranze e le delusioni. Nei prossimi mesi per il Pd guidato da Dario Franceschini c’è il punto di non ritorno, ma anche l’occasione di riprovarci, se solo tenterà di dare voce al bisogno di opposizione e di modernità. Altrimenti la sfida sarà persa davvero, e non solo per il Partito democratico. È tutta la democrazia italiana che corre il pericolo di essere Lost. Perduta.

Lost in PD
Marco Damilano
Editore: Sperling & Kupfer
2009, 210 pp., 17 euro

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *