UE – “Accordo” e vorrebbero far ripartire l’economia?

I leader europei dei 27 Paesi hanno deciso le misure da adottare per affrontare risolutamente la crisi economica e dopo tre mesi di negoziati hanno partorito il “topolino”: cinque miliardi di €uro per finanziare progetti di investimento nel settore energetico, da spendere in due anni. Dopo mesi di negoziati l’unico contributo a carico del bilancio dell’Unione europea è poco, somme marginali rispetto alle centinaia di miliardi di €uro spesi per sostenere le banche. L’incapacità di agire dell’Europa diventa evidente, attraverso i risultati, le modalità procedurali e decisionali troppo farraginose, vane le misure nell’immediato per il rilancio data l’emergenza; includere negli interventi il gasdotto Nabucco, destinato a partire nel 2013 per il trasporto del gas dal Mar Caspio verso l’Europa, quando neanche i sostenitori sono pienamente convinti sul vantaggio economico dell’opera rafforza l’opinione della forzatura, ed anche senza evidenziare le critiche della Germania è chiaro il tentativo di mitigare il fallimento decisionale e politico dell’Unione Europea nel momento che attraversa la peggiore recessione dalla sua creazione. Ricordiamo l’impegno allo sviluppo della banda larga di Internet nelle zone rurali.

Carmelo Sorbera

Carmelo Sorbera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *