Arabia Saudita: consentite solo le moschee

Durante un’incontro delle Nazioni Unita a Ginevra, l’Arabia Saudita, patria dei luoghi santi dell’Islam, implementa una versione rigida della legge islamica, mantenendo pesanti restrizioni sulle religioni non islamiche che sanciscono le moschee come unico luogo di culto nel paese.
Il vice Presidente della commissione dei diritti umani saudita ha detto che la creazione di edifici di culto per le religioni non islamiche è un problema troppo delicato, diversi i paesi che hanno esortato l’Arabia Saudita ad abolire le leggi che violano diritti fondamentali come la libertà, per discriminazione sulla base della religione o delle convinzioni personali.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *