Mons. Williamson persiste

Mons. Richard Williamson ha rifiutato di rivedere la sua posizione in un’intervista pubblicata sabato, in Germania, su Der Spiegel, sicuramente per rilanciare la polemica sulla revoca della sua scomunica dall’ordine di Papa Benedetto XVI.

Il vescovo britannico ha sfidato chi gli richiede di chiarire la sua posizione e ritenendo di avere bisogno di una “prova” prima di ritirare le sue dichiarazioni circa l’esistenza delle camere a gas.
“Hanno fatto delle ricerche in materia e per questo motivo è stato convinto della correttezza delle posizioni che difende”. Ha poi aggiunto: “Tutta la mia vita ho sempre cercato la verità.”  “Non vi è prova storica…. E se trovo la prova …..verranno corrette (le dichiarazioni). Ma ci vorrà tempo”, ha detto il vescovo in questa intervista al Der Spiegel, la prima che concede dopo il decreto vaticano del 24 gennaio che toglieva la scomunica.
Il sollevamento della sua scomunica e di quella di altri tre vescovi integralisti ha sollevato un clamore in molti paesi, specialmente in ambienti cattolici della Germania e provocato una crisi che ha minato i rapporti del Vaticano con l’ebraismo.
Il presidente della Conferenza episcopale tedesca, Robert Zollitsch, ha detto: “Mr. Williamson è irresponsabile. Non vedo alcun posto per lui nella Chiesa cattolica.”
Richard Williamson nell’intervista a Spiegel ha rinnovato le sue critiche al Concilio Vaticano II, accusando il Concilio di provocare “il caos teologico che abbiamo oggi” e denuncia una “dittatura del relativismo” imposto dai ” vescovi liberali “.
Ha anche espresso “sorpresa” per l’entità della controversia che circonda le sue dichiarazioni. “Io sono l’unico strumento con cui alcuni vogliono agire contro il papa “, ha detto. “Apparentemente, la sinistra cattolica, non hanno ancora perdonato il fatto che Ratzinger è diventato papa.”

Il Vaticano dice che il Papa non sapeva nulla della negazione del vescovo, ed ha invitato questa settimana Williamson a prendere le distanze dalle dichiarazioni sull’Olocausto inequivocabilmente e pubblicamente.

Lo sviluppo è seguito nel mondo cattolico e dal Cancelliere tedesco Angela Merkel, che aveva chiesto chiarimenti.

Der Spiegel dice che non è stato in grado di condurre l’intervista con Williamson per via orale: il vescovo ha risposto per iscritto alle domande via e-mail provenienti da Argentina, dove vive. e ha quindi confermato la loro risposta per telefono, assistito da un avvocato.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *