Travaglio: “La tv non conta. Infatti…”

“L’altra sera, presentando a ‘Parla con me’ il suo libro su Berlusconi, il vicedirettore di ‘Repubblica’ Massimo Giannini spiegava che il Cavaliere non vince grazie alle tv. Vince perché l’Italia è di destra. E’ una teoria molto in voga negli ambienti ‘terzisti’ e ‘riformisti’, cara ai Pigi Battista e ai Francesco Merlo. Sarebbe interessante conoscere il loro illuminato parere sil punto in questi giorni, mentre la politica è paralizzata da un paio di settimane dalla corsa a una poltrona inutile, quella del presidente della Vgilanza Rai (carica che spetta all’opposizione, dunque a un uomo di minoranza); e mentre non passa giorno senza che Al Tappone se la prenda con ‘le televisioni’ (che peraltro controlla per cinque sesti), colpevoli di “parlare sempre di crisi”, “diffondere ansia e allarmismo”, “prendermi per il culo”, visto che “i conduttori si mettono d’accordo per insultarmi e attaccarmi”.

Chi pensa che la tv sia decisiva per orientare i consensi (almeno la quota che, in un paese spaccato a metà, fa pendere la bilancia da una parte o dall’altra), per dire la verità o racontare frottole, per rilanciare o sbugiardare le balle del potere, trova in quel che sta accadendo intorno alla Rai, in vista dell’ennesima lottizzazione, una decisiva conferma alle proprie convinzioni. I Giannini, i Merlo e i Battista potrebbero spiegarci come mai, se davvero la tv non sposta voti e non influenza le elezioni, tutti i partiti parlano solo di Vigilanza e di tv, e seguitano a bivaccarvi in pianta stabile dalle previsioni del tempo al segnale orario. Dev’essere perchè la tv non conta, ma i politici non lo sanno”. E’ quanto scrive il giornalista Marco Travaglio, oggi, su ‘l’Unità’, nella sua rubrica quotidiana ‘Zorro’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *