Spagna – Per la Chiesa è “cristofobia” rimuovere i crocifissi

L’opinione pubblica spagnola è divisa in questi giorni sulla presenza dei simboli religiosi nelle scuole pubbliche. Il dibattito è stato aperto a seguito di una sentenza che ha ordinato la rimozione dei crocifissi dalle aule di una scuola di Valladolid.

La sentenza ha dato una risposta ad una domanda sollevata nel 2005 dal consiglio dei genitori. Tra le sue argomentazioni, i giudici hanno sostenuto che il mantenimento di immagini religiose e simboli è contro “i diritti fondamentali”, sancito dagli articoli 14 e 16.1 della Costituzione, in materia di uguaglianza e di libertà di coscienza.

Appena letta la sentenza della Corte, il governo regionale guidato dal Partito Popolare (PP) ha annunciato che avrebbe rispettato la decisione, tuttavia, questa mattina il suo presidente, Juan Vicente Herrera, ha detto che è all’esame il ricorso alla decisione, e continua: “C’è un punto che ci lascia completamente insoddisfatti, non posso condividere la parte della sentenza che parla della presenza nelle scuole pubbliche di un simbolo religioso, il crocifisso, come di un elemento di aggressione, violazione dei diritti e delle libertà”.

Nella Chiesa, come previsto, la sentenza ha sollevato molte critiche. Antonio Cañizares, arcivescovo di Toledo, riguardo al provvedimento ha parlato di un “cristo fobia” che, in ultima analisi, “è l’odio di se stessi”. Nello stesso spirito si sono espressi i genitori delle associazioni cattolici conservatori, che hanno valutato la decisione del giudice come un attacco politico.

Nel Congresso, Pio Garcia Escudero, portavoce del PP al Senato, ha detto di non aver visto alcuna “necessità” di rimuovere il crocefisso dalle aule delle scuole pubbliche. Ma ha sottolineato che le decisioni giudiziarie “in linea di principio, devono essere rispettate “.

L’opposizione, invece, ha applaudito la sentenza, il Partito socialista di Castiglia e Leon ha chiesto alla commissione di estendere il provvedimento a tutte le scuole pubbliche.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *