Cresce il buco dell’ozono in Antartide

Il buco di ozono sopra l’Antartide ha raggiunto le dimensioni del Nord America, per gli scienziati la temperatura della stratosfera è più fredda della media, questo è il fattore più importante per la fluttuazione delle dimensioni del buco di ozono.
La causa principale del buco dell’ozono è la produzione dalle attività umane di prodotti composti chiamati clorofluorocarburi ‘CFC’ che distruggono l’ozono in atmosfera. La Terra viene privata dalla protezione che lo strato di ozono fornisce ai raggi ultravioletti-B del sole.
Anche se il divieto di produrre CFC dal 1987, il protocollo di Montreal, ha ridotto i danni, non ci si può aspettare un miglioramento prima della seconda metà del secolo.
All’inizio di maggio in Antartide, nel periodo di buio per 24 ore, dei venti, nei pressi del polo sud, creano dei vortici di freddo con l’aria stabile al centro, quando arriva il sole di primavera ad agosto, la luce ultravioletta del sole dà inizio ad una serie di reazioni chimiche, ampliate dal CFC, all’interno del vortice che consumano l’ozono, con la fine di dicembre in piena estate il vortice crolla e l’ozono torna fino asl prossimo ciclo invernale.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *