Travaglio: “Tornelli ai magistrati? L’energumeno slanciato chieda scusa”

“Sommerso dalle risate di tutti gli addetti ai lavori (compresi gli on. avvocati Ghedini e Bongiorno), il cosiddetto ministro Brunetta insiste con l’idea dei tornelli nei tribunali. Molti esperti han provato a spiegargli che: 1) non spetta a lui occuparsi di amministrazione giudiziaria…; 2) se continua a impicciarsi in affari che non lo riguardano, rischia un conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato alla Consulta;

3) se i pm non sono in ufficio è perché sono in tribunale a fare udienze, in carcere ad interrogare, in giro a indagare, all’estero per le rogatorie; 4) se i giudici non sono in ufficio è perché molti non hanno un ufficio…; 5) un fannullone può restare in ufficio anche 24 ore su 24, così fa contenti Brunetta e i suoi tornelli, e continuare indisturbato con la battaglia navale e le parole crociate…; 6) con i tornelli, giudici e pm potrebbero lavorare 36 ore a settimana, secondo il contratto del pubblico impiego, ore 8-14 dal lunedì al venerdì, poi andarsene a spasso o restare in ufficio e guadagnare il doppio con gli straordinari; 7) i magistrati non possono avere orari fissi: se un criminale decide di confessare 30 omicidi, chi lo interroga non si sogna nemmeno di andarsene allo squillo della campanella, invitandolo a tornare un’altra volta: si batte il ferro finchè è caldo, spesso fino a notte fonda; 8) dire che molti ‘lavorano 2-3 giorni a settimana’ significa confondere i giorni di udienza con i giorni di lavoro ordinario, un pò come scambiare le ore di volo con le ore lavorate di pilote e hostess…; 9) i magistrati italiani sono in media i più produttivi d’Europa, anche se da anni i governi tagliano loro fondi e personale (-10mila persone nell’ultimo triennio); 10) se ‘il 70% delle udienze finisce con un rinvio’ non è per gli errori procedurali dei magistrati’, ma perché imputati, testimoni e avvocati non si fan trovare, o cambiano residenza, o fingono di essere impegnati in Parlamento (qualcuno Brunetta dovrebbe conoscerlo).

Insomma, per dirla con l’Anm, “il ministro non sa di che parla: non è mai stato in un palazzo di giustizia” (strano, fra l’altro, per un socialista). Ma il simpatico misirri seguita a berciare: “io tiro diritto”, “vado avanti”, “non mi fermeranno”. Chi lo critica è un servo del “potere dominante” (lui invece è Robin Hood).

Insomma “me ne frego”, com ha risposto elegantemente alla Cgil che pretendeva di partecipare al negoziato sugli statali. L’altro giorno D’Alema si è scusato per averlo definito  “energumeno tascabile”. Assodato che Brunetta è un energumeno slanciato, è troppo chiedere che ora si scusi lui?”. E’ quanto scrive oggi il giornalista Marco Travaglio sul quotidiano ‘l’Unità’, nella sua rubrica settimanale ‘Ora d’Aria’.

Quinews

Quinews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *