In Italia è allarme obesità

In Italia è allarme-obesità. Nel 2015, secondo il centro studi e ricerche sull’obesità dell’università di Milano, gli obesi adulti nel nostro paese saranno 28 milioni, con un aumento del 40%. Ancora più drammatico il dato per quanto riguarda i bambini: si prevede che fra 7 anni l’obesità infantile aumenterà del 200%. I dati sono stai resi noti durante uno dei convegni nell’ambito del Sanit, il forum internazionale della Salute, che si è svolto di recente a Roma.

Michele Carruba,  direttore del centro studi sull’obesità di Milano, ha spiegato che ad oggi gli individui adulti in Italia in sovrappeso sono 16 milioni, ai quali vanno aggiunte 4 milioni di persone obese: “questo altissimo numero di malati – ha sottolineato – incide sul servizio sanitario nazionale per ben 22,8 miliardi di euro (dato del 2005). Ogni singola persona in sovrappeso costa allo Stato 878 euro ogni anno, gli obesi 1.653 euro, i gravemente obesi 2.220 euro”. Il rimedio? “E’ la cultura di questo Paese che deve cambiare. Finché il singolo non si renderà conto che l’obesità è un problema medico anziché estetico – conclude Carruba – non si riuscirà mai a diminuire l’incidenza di questa malattia del benessere”.

admin

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *